Vega

Osserviamo il cielo


Condividi:
Il Triangolo estivo è l'asterismo (vale a dire una figura riconoscibile di stelle) tipico del cielo estivo. Si tratta di un grande triangolo, composto da stelle molto luminose, che svetta in alto nelle notti d'estate. Tendendo una braccio verso l'alto, il triangolo risulta poco più grande di una mano aperta.
Il triangolo è composto, in ordine di luminosità, da Vega, Deneb e Altair. Appartenente alla costellazione della Lira, Vega ha magnitudine 0,00, ed è dunque una delle stelle più luminose del cielo. Il valore 0,00 non è casuale, perché per definizione la scala delle magnitudini è tarata dagli astronomi su Vega. Più luminose di Vega sono solo Sirio (magnitudine -1,47, visibile in inverno), Canopo (magnitudine -0,63, ma invisibile dall'Italia perché si trova troppo a sud, nell'emisfero meridionale), Arturo (magnitudine -0,07), e Alfa Centauri (-0,04, anch'essa invisibile dall'Italia).
Durante le notti estive Vega passa molto in alto nel cielo, e si trova praticamente allo Zenith verso la mezzanotte a luglio. E' riconoscibile perché è la stella più luminosa tra quelle visibili nelle notti estive, dopo Arturo, che però è di colore arancio (mentre Vega è azzurra), e si trova più spostata verso ovest.
Il Triangolo estivo
Fig.1 - Il Triangolo estivo, il Cigno e la Via Lattea.
Delle altre stelle del triangolo, Altair (costellazione dell'Aquila, di magnitudine 0,75) si riconosce perché si trova più in basso, e costituisce la punta meridionale del triangolo, oltre che per la sua vicinanza con un'altra stella meno luminosa, come si vede in figura. Deneb, nella costellazione del Cigno, è la meno luminosa delle tre (la sua magnitudine è 1,25), può passare anch'essa dalle parti dello Zenith, e si riconosce perché insieme alle altre stelle della sua costellazione forma un triangolo più piccolo, che rappresenta appunto la figura del volatile (o se si vuole ricorda quella di un aquilone).

La zona del Triangolo estivo è attraversata dalla Via Lattea (la macchia scura nella figura).

Il triangolo è visibile anche in altre stagioni: in primavera sorge a notte fonda e sale nel cielo nelle ore che precedono l'alba, mentre in autunno è ancora visibile nelle ore che precedono il tramonto, dopodiché andrà anch'esso a tramontare.
Vega
Fig.2 - Una fotografia di Vega.
Vega non è una stella molto luminosa in assoluto, ma la sua luminosità apparente è dovuta alla sua vicinanza: dista appena 25 anni luce dalla Terra. A causa della precessione degli equinozi, Vega diventa ogni 26.000 la stella polare: lo è stata l'ultima volta 12.000 anni fa.