Saturno

Osserviamo il cielo


Condividi:
Saturno
Fig.1 - Saturno

Saturno è il secondo pianeta più grande del sistema solare dopo Giove, ed è il più lontano tra quelli visibili da occhio nudo. La sua luminosità è simile a quella di stelle di prima magnitudine, dal momento che la sua magnitudine media è 0,7, mentre nei momenti in cui è più luminosa si avvicina a quella di Vega (0,00), ma non raggiunge quella di Sirio (-1,47).
A differenza della luce delle stelle, quella di Saturno, come quella degli altri pianeti, è fissa e non "sberluccica".
Poiché il moto dei pianeti nella loro rivoluzione è tanto più lento quanto più sono lontani dal Sole, Saturno che è il più lontano è anche il più lento tra i pianeti visibili: questo vuol dire che tende a rimanere per diverso tempo nella stessa costellazione. Naturalmente la sua posizione all'interno di una costellazione è soltanto una nostra impressione prospettica, però sapere dove si trova può essere utile per individuarlo più facilmente. Comunque Saturno, che dista mediamente quasi un miliardo e mezzo di chilometri dal Sole (quindi nove volte la distanza tra la Terra e il Sole), e ci mette ben 29 anni anni e mezzo a compiere una rivoluzione completa intorno al Sole.

Proprio perché nel corso dei mesi attraversa le diverse costellazioni, Saturno non sarà sempre visibile, ma lo sarà soltanto nei periodi in cui attraverserà le costellazioni che in quel periodo dell'anno saranno visibili di notte.

Ecco le costellazioni nelle quali Saturno transiterà in futuro, e le indicazioni sulla sua visibilità:
- Nella Bilancia, fino al 17 gennaio 2015. La Bilancia è visibile prima dell'alba in inverno, a notte fonda in primavera, nelle prime ore della notte in estate, dunque è una costellazione tipicamente primaverile.
- Dal gennaio 2015 Saturno entrerà nello Scorpione, avvicinandosi alla sua testa e alla sua stella più luminosa, Antares (il cuore dello Scorpione).
- Alla metà di maggio del 2015 Saturno tornerà indietro e si troverà di nuovo nella Bilancia, mentre nella metà di ottobre tornerà nello Scorpione.
- Dicembre 2015 - 23 feb 2017: Ofiuco. Nella primavera del 2016 sarà visibile abbastanza basso sull'orizzonte, vicino allo Scorpione, e in un periodo in cui transiterà da quelle parti anche Marte, che in questo periodo sarà particolarmente luminoso.
Nell'estate del 2016 sarà visibile soltanto nelle prime ore dopo il tramonto, poco sopra Antares, poi andrà a tramontare verso sud-ovest. A fine agosto Marte passerà a breve distanza, tra Saturno e Antares.
Nell'autunno del 2016 sarà visibile soltanto dopo il tramonto, in basso a destra rispetto alla teiera del Sagittario.
Nell'inverno 2016-2017 non sarà visibile, essendo sopra l'orizzonte di giorno.
- 24 feb 2017 - 18 mag 2017: Sagittario. Nella primavera del 2017 sarà visibile a notte fonda, basso sull'orizzonte, a destra della Teiera del Sagittario. Dopo essere entrato nel Sagittario, si fermerà e comincerà a tornare indietro.
Intorno al 20 maggio 2017 tornerà nell'Ofiuco. A quel punto cominerà a muoversi in maniera decisa verso est lungo lo Zodiaco, percorrendo nel corso degli anni Sagittario, Capricorno e Acquario.