Antares

Osserviamo il cielo


Condividi:
Lo Scorpione è una bellissima costellazione, sia per quello che ci offre ad occhio nudo (a partire dalla figura riconoscibile e caratteristica appunto di uno scorpione), sia per quello che offre all'osservazione con il telescopio (ammassi e nebulose, tipiche di una zona del cielo come questa, attraversata dalla Via Lattea).
Dall'Italia purtroppo l'osservazione dello Scorpione è un po' difficoltosa a causa della sua bassa altezza sull'orizzonte: insieme al Sagittario infatti lo Scorpione è la costellazione più meridionale tra quelle attraversate dal Sole.
Per osservare lo Scorpione abbiamo dunque a disposizione poche ore nella notte, e un periodo dell'anno limitato: in pratica, da maggio ad agosto.
Se non si riesce ad osservare l'intera figura, si dovrebbe comunque poter vedere Antares, che è la stella più luminosa della costellazione, e appare di colore arancione, a sinistra delle tre stelle messe in fila che rappresentano la testa dello Scorpione.
Per osservare lo Scorpione occorre guardare verso sud.
Per trovare il sud, si può individuare la Stella polare, che si trova sempre fissa a nord, e poi volgerle le spalle. L'Orsa Maggiore è una delle costellazioni più grandi e famose del cielo e forse è la più conosciuta anche dai non esperti. Quasi tutti sono in grado di riconoscere il Grande Carro, l'asterismo che dalle latitudini italiane è praticamente sempre visibile.
L'Orsa Maggiore è utile per trovare la Stella polare, che si trova sul proseguimento delle due stelle più a destra del carro.
A seconda delle stagioni, l'Orsa Maggiore si trova in posizioni diverse, ruotando a breve distanza dal Polo nord celeste.
L'Orsa Maggiore in inverno
Fig.1 - L'Orsa Maggiore e la Stella polare come si vedono a mezzanotte a metà gennaio, guardando verso nord.
Volgendo le spalle alla Stella polare, e dunque guardando verso sud, e in basso, poco sopra l'orizzonte, si può individuare lo Scorpione come nella figura seguente. Occorre però attendere un momento in cui lo Scorpione sta culminando, cioè all'inizio di maggio verso le 3 di notte, all'inizio di giugno verso l'una, all'inizio di luglio verso le 23, e all'inizio di agosto poco dopo il tramonto.
A sinistra (cioè ad est) dello Scorpione si può osservare il Sagittario, con l'asterismo della "Teiera". Anche il Sagittario è una costellazione bassa sull'orizzonte, e si può osservare al meglio qualche ora dopo il momento in cui culmina lo Scorpione.
Antares e lo Scorpione
Fig.2 - Antares e lo Scorpione come si vedono a mezzanotte all'inizio di luglio, guardando verso sud.
Antares è una stella enorme, ben 500 volte più grande del Sole: se si trovasse al posto del Sole, ingloberebbe la Terra e tutti i pianeti fino a Marte. E' del tipo della "supergigante rossa", come Betelgeuse in Orione. Vista ad occhio nudo assomiglia a Marte, il pianeta rosso, dal momento che entrambi appaiono di colore rosso-arancione ed oscillano intorno alla prima magnitudine. Del resto il nome Antares significa "il rivale di Ares", che è il nome greco di Marte.
Poiché si trova lungo l'eclittica, lo Scorpione può essere attraversato da Marte, che dunque a volte passa proprio vicino ad Antares, come accadrà nell'ottobre del 2012, anche se il fenomeno sarà praticamente invisibile dall'Italia (in quel mese lo Scorpione si vede per poco dopo il tramonto all'orizzonte).
Le testimonianze degli antichi riportano una luminosità inferiore per la stella, per cui si può dedurre che Antares si sta espandendo e per questo negli ultimi secoli ha visto aumentare la sua luminosità.
Tra 5 miliardi di anni anche il Sole è destinato ad espandersi e a diventare una gigante rossa.
A volte la Luna passa nelle vicinanze di Antares, e può anche occultarla.